Nasce l'esclusiva linea IDEALE
dedicata alla farmacia.

scopri di più
Ideale è
Benessere
Eccesso di sodio e depressione: esiste una connessione?

Eccesso di sodio e depressione: esiste una connessione?

Benessere

Una dieta con troppo sodio e poco potassio potrebbe influire sullo sviluppo della depressione. A rischio soprattutto i più giovani.

 

Dieta e salute mentale possono essere correlate? Sì, secondo uno studio recentissimo, che suggerisce che la dieta sia un fattore scarsamente considerato ma importante per una buona salute non solo fisica ma anche psichica. Lo studio, in particolare, si concentra sul consumo prolungato di alimenti ricchi di sodio e bassi di potassio.

Dieta e depressione: il ruolo del sodio

Questo tipo di cibi – salati, ricchi di grassi saturi e zuccheri aggiunti: tutti alimenti che sempre più di frequente costituiscono la base dell’alimentazione “occidentale” – se  consumati regolarmente in una dieta non bilanciata, sembrano avere degli effetti sui neurotrasmettitori, sul comportamento e sulle capacità cognitive. Questa scoperta va ad aggiungersi a quella di uno studio precedente, nel quale si sosteneva che le mutazioni del microbioma intestinali possono avere effetti sulle funzioni cerebrali: gli elementi ricchi di sodio vanno a influenzare la salute intestinale, avendo ripercussioni anche sulla salute cerebrale e psichica.

Troppo sodio nella dieta: i rischi per gli adolescenti

Abitudini alimentari poco salutari sono collegate, negli adulti, a una maggiore incidenza di depressione, mentre i sintomi depressivi sembrano ridursi quando si adotta una dieta più sana. Il pericolo più grande è, però, per gli adolescenti. I più giovani sembrano infatti più vulnerabili degli adulti agli effetti negativi di una dieta sregolata: il cervello, ancora in fase di sviluppo, è più sensibile agli effetti dell’alimentazione sui meccanismi neurali che regolano e emozioni. Secondo lo studio, le ragazze sono più a rischio dei loro coetanei maschi. Un intervento che regoli e limiti il consumo di alimenti che contengano sodio e introduca nella dieta più cibi ricchi di potassio è quindi da considerarsi una possibile azione da conseguire per migliorare la salute mentale dei più giovani. Per ridurre la quantità di sodio nella dieta è possibile – oltre a scegliere di mettere in tavola più cibi freschi, frutta e verdura – utilizzare IDEALE invece del normale sale da cucina: anche il sistema cardiocircolatorio ne beneficerà!

Esci dalla preistoria.

CONTATTACI PER RICEVERE MAGGIORI INFORMAZIONI.

Accetto la privacy policy.