Nasce l'esclusiva linea IDEALE
dedicata alla farmacia.

scopri di più
Ideale è
Per le Mamme
La pressione alta tra i bambini: un problema in crescita.

La pressione alta tra i bambini: un problema in crescita.

Per le Mamme

La pressione alta non è un problema solo degli adulti, ne è colpito infatti anche circa il 7% dei bambini-adolescenti. Quando bisogna preoccuparsi?

La pressione alta non è un problema degli adulti. Negli ultimi anni, infatti, è aumentata la casistica di ipertensione anche tra i bambini e gli adolescenti. Ma quali sono i numeri di questa patologia tra i giovanissimi? E quali sono le cause?

I numeri della pressione alta nei bambini

Fino al 7% tra bambini e adolescenti soffre di pressione alta. La metà di questi è affetta da una vera e propria ipertensione arteriosa (superiore al 95° percentile rispetto a sesso, età e statura), mentre gli altri presentano valori stabilmente alti (tra il 90° e il 95° percentile).

Sono questi i risultati emersi dagli screening nazionali e internazionali, ancora più preoccupanti se si considera che, tra i bambini obesi o in sovrappeso queste percentuali toccano il 24%.

La Società Italiana di Pediatria, in collaborazione con la Società Italiana dell’Ipertensione Arteriosa, in un documento di raccomandazioni congiunte, avverte che:

Un bambino con pressione elevata frequentemente avrà ipertensione da adulto, quindi sarà a rischio per patologie cardiovascolari, la prima causa di morte in Italia.

Prevenzione e trattamento

La crescita dei casi di pressione alta e ipertensione nella seconda infanzia e nell’adolescenza è dovuta all’aumento di bambini e ragazzi in sovrappeso ma anche al miglioramento in termini di sopravvivenza dei bambini prematuri che hanno più probabilità di sviluppare problemi cardiovascolari rispetto ai normopeso alla nascita.

La pressione alta nei bambini spesso è asintomatica, pertanto è importante offrire ad ogni bambino la possibilità di condurre una vita sana, seguendo alcune importanti raccomandazioni:

Prestare attenzione ai fattori di rischio: per i bambini sottopeso alla nascita, i bambini o ragazzi obesi o sovrappeso e quelli con familiarità verso le malattie cardiovascolari è consigliato di sottoporsi a regolari visite di controllo della pressione arteriosa, a partire dai 3 anni.

Far svolgere a bambini e ragazzi regolare attività fisica ed evitare una vita sedentaria. Nei casi di ipertensione più grave è comunque bene sottoporre i bimbi a dei controlli medici specifici per lo sport.

Mettere in atto una prevenzione che parta dalla dieta. La dieta dovrebbe puntare al raggiungimento alla perdita di peso per i bimbi sovrappeso ed è molto importante anche la riduzione dell’assunzione di sodio nell’alimentazione.
Dagli studi emerge che una dieta ad alto contenuto di sodio raddoppia la probabilità di sviluppare ipertensione, e questo rischio è ancora più serio (triplicato) se associato a sovrappeso o obesità.

 

Ideale, finalmente ti offre una vera alternativa al sale, ugualmente gustosa ma con un apporto di sodio inferiore fino al 75%.

Esci dalla preistoria.

CONTATTACI PER RICEVERE MAGGIORI INFORMAZIONI.

Accetto la privacy policy.