Ideale è
Salute
Ridurre l’osteoporosi intervenendo sull’alimentazione

Ridurre l’osteoporosi intervenendo sull’alimentazione

Salute

L’alimentazione è alla base della nostra salute.

Per prevenire l’insorgenza dell’osteoporosi è necessario assumere un’adeguata dose di calcio e potassio, evitando una dieta ricca di sodio, fosforo, caffè e alcool, acidi grassi e saturi.

Il sodio, e di conseguenza il sale, può favorire l’eliminazione del calcio dalle urine. Il sodio e il calcio, infatti, vengono trasportati con lo stesso meccanismo fino a raggiungere il tubulo prossimale renale. Per questo in ogni grammo di sodio eliminato con le urine vengono espulsi anche circa 25 mg di calcio. Questo fenomeno, nel lungo periodo, può portare a una riduzione della massa ossea con conseguente aumento del rischio di osteoporosi e fragilità delle ossa.

Avere un regime alimentare povero di sodio aiuta a combattere questo fenomeno, consentendo all’organismo di ricevere l’adeguato apporto di calcio necessario per la salute delle ossa, contrastando la comparsa dell’osteoporosi.

Utilizzare IDEALE al posto del sale comune può essere già un piccolo passo per migliorare le proprie abitudini.

Grazie alla sua formulazione, IDEALE in versione liquida e spray garantisce il 75% di sodio in meno rispetto al sale da cucina comunemente utilizzato nelle nostre case. IDEALE in versione fino e grosso garantisce il 50% di sodio in meno rispetto al sale da cucina ed è anche arricchito con potassio.

La gamma di prodotti IDEALE presenta un’alternativa sana e utile per l’organismo senza rinunce al piacere del buon cibo.

Ridurre l’osteoporosi intervenendo sull’alimentazione significa ridurre l’assunzione di sodio, proteine di origine animale, grassi saturi e nervini, aumentando invece il consumo di verdura a foglia verde, frutta e legumi ricchi di potassio e calcio per rinforzare la struttura ossea.

Anche l’attività fisica aiuta la prevenzione dell’osteoporosi, perché mantiene il picco di massa ossea, rinforzandola e rendendola meno esposta a fratture e allo sviluppo di questa patologia.

Esci dalla preistoria.

CONTATTACI PER RICEVERE MAGGIORI INFORMAZIONI.

Accetto la privacy policy.